Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
nardi4Nel titolo tutto quanto di ingiustificabile si è compiuto, in disprezzo alle norme processuali e in disprezzo della vita di innocenti fino a prova contraria. Si ha come l’impressione di essere davanti a una pellicola cinematografica di un film western girato in Arizona con sceriffi e pistole dove “la Legge sono io” con il sottofondo delle musiche di Sergio Leone. Purtroppo siamo nel 21 secolo nella leggendaria Europa unita.
Il Dr. Michele Nardi ora indagato deve rientrare nel suo Ufficio della Procura di Roma a Piazzale Clodio da dove è stato violentemente strappato e deportato nelle patrie galere per un anno e mezzo e poi per un altro anno agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico alla caviglia e incursioni notturne di tutori dell’ordine costituito per controllare che fosse nell’abitazione. Una vera persecuzione con ricadute gravissime sulla sua salute. La sua Dignità è rimasta intatta. Altri l’hanno perduta. E' un uomo libero e deve ritornare alla propia vita cercando di ricostruirla dopo che uno tsunami si è abbattuto su di lui provandolo fino all'inverosimile. Ma non piegandolo. Ha subito il carcere durissimo ma ha sempre cercato la verità. Ha sempre proclamato la propria innocenza e ha accettato un processo senza scorciatoie. . Ma che sia un giusto processo. 

                                            CASO GIUDIZIARIO MAGISTRATO MICHELE NARDI. CHE IL PROCESSO D'APPELLO SIA UN GIUSTO PROCESSO!

nardi tortora rit art
A quasi un anno da questo articolo pubblicato il 29 luglio 2020, il 19 Giugno scorso 2021, tre giorni fa, dopo due anni e mezzo di detenzione cautelare, record assoluto per un Magistrato, al Dr. Michele Nardi è stata concessa la Libertá. Quella Libertà che gli fu tolta in maniera violenta arbitraria e tragicamente spettacolare il 14 Gennaio 2019.  Un caso che molti accostiamo a quello tristemente famoso di Enzo Tortora. Che alla fine gli costò la vita.
Ormai è scienza che il distress, lo stress “ cattivo” ( molto diverso dall’eustress “ stress fisiologico) porta ad alterare il sistema ormonale e immunitario con conseguenze catastrofiche sulla salute. Porta a malattie degenerative. Porta al cancro!

MICHELE NARDI LIBERO pngPrimo atto di Giustizia a Lecce: Il Tribunale della Libertà ha disposto la liberazione del Dr. Michele Nardi dopo il terzo annullamento pronunciato dalla Corte Suprema di Cassazione dei provvedimenti che avevano rigettato le precedenti richieste di liberazione dal 14 Gennaio 2010.
E’ solo l’inizio di una Giustizia che non potrà prescindere dalle prove di come la condanna in primo grado s’è pronunciata dal Tribunale presieduto dal Dr. Pietro Baffa: 

liberta per michele nardiALTRI DOVREBBERO STARE IN GALERA. COLORO CHE LO HANNO CONSEGNATO INNOCENTE AI CARNEFICI

"Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei non entrerete nel regno dei Cieli..." (Matteo 5:20-26)
 
Il Giudice Michele Nardi con una aberrante decisione é stato arrestato e consegnato alla gogna mediatica con una ferocia inaudita. Senza una prova. Una vera prova provata. Calunnie costruire a tavolino da un usuraio rinnegato anche dal proprio padre. 

Caso Michele Nardi. Domanda sul sequestro dei beni ai danni dei suoi familiari. Questa la risposta del Dr. Nardi:" La Cassazione ha emesso ben due sentenze di annullamento e nell'ultima, nella seconda, ha scritto che i provvedimenti di sequestro ai danni dei miei familiari erano stati assunti in violazione dei principi generali dell'ordinamento. Credo che non ci sia altro da aggiungere"
Brano tratto dall'intervista integrale effettuata Domenica 10 Gennaio 2021 a Trani da Ernesta Adele Marando al Giudice Michele Nardi agli arresti preventivi. Da giugno scorso ai domiciliari. Arresti preventivi che persistono che persistono da oltre due anni di cui 18 mesi in carcere. Videointervista integrale https://www.youtube.com/watch?v=wwuGBpX-A28&t=8s


Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.