Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
La piemme Roberta Licci scambia lucciole per lanterne. Michele Nardi avrebbe una doppia personalità perché avrebbe ammirato foto hard dal suo computer! Nella sua requisitoria fiume durata due giorni ne chiede la condanna, quasi vent'anni di carcere e tre milioni di euro di risarcimento!

illupoelagnelloSecondo il teorema della pm Licci il Dr. Michele Nardi ha una duplice personalità perché è credente e vicino alla Chiesa ma ha delle foto hard sul pc. Quindi per questo sarebbe colpevole e andrebbe condannato? Ma, domanda, il Dr. Michele Nardi è stato arrestato perché avrebbe guardato delle foto che non sono state gradite alla piemme o invece per contestati presunti reati associativi e corruzione in atti giudiziari? Accuse quelle tutte smontate pezzo per pezzo con prove provate.
Vorremmo dire alla signora Licci che il Dr. Nardi è credente ma non risulta abbia mai fatto voto di castità. Vorremmo chiedere alla signora pm Licci quale nesso ci sia tra le foto hard che si asserisce trovate nel computer del Dr. Nardi e le accuse di presunta associazione a delinquere e capacità corruttiva per cui da quasi due anni il Dr. Nardi è agli arresti cautelari di cui diciassette mesi passati in carceri lager patriottici e da giugno è ai domiciliari con braccialetto elettronico.
gazzetta17sept2019nardi F0D9CC72 360F 40BC 839E 504B33C238A4Lecce: Il “Sistema Trani” al processo si è rivelato montatura di Savasta e D’Introno. Risalta l’innocenza di Michele Nardi

C’è la stampa collusa con chi a Lecce vuole la condanna del Dr. Nardi sapendolo innocente e avendo le prove di un’associazione tra SAVASTA e D’INTRONO operante almeno dal 2007. Quando il Dr. Nardi da un anno era andato via da Trani. La prova è data dalla comparazione tra quanto pubblicava la Gazzetta del Mezzogiorno il 17 Settembre 2019 e la pubblicità che oggi, più di un anno dopo, viene data alla richiesta di condanna formulata dall’accusa contro il Dr. Nardi a diciannove anni e dieci mesi nei termini che la Gazzetta aveva anticipato. E senza avere mai messo in comparazione la demolizione dell’accuse contro il Dr. Nardi e delle collusioni, nel formularla, di SAVASTA e D’INTRONO. Per ottenere i benefici, specie D’INTRONO, con lo stralcio della sua posizione nonostante le prove di ricatti ed estorsioni persino ai danni dei familiari: Padre, fratello, sorella. E di una ricchezza spropositata in case, terreni, immobili di SAVASTA e familiari di costui. Protetto fino all’arresto con collusioni fino alla presidenza del Consiglio dei ministri.
CASO GIUDIZIARIO DR.MICHELE NARDI - STOP ALLA  GIUSTIZIA TRAVIATA - SI PRETENDE UN GIUSTO PROCESSO 

cattiva giustizia stopLa giustizia traviata dalla gestione usurpata dagli organi d’accusa in Italia è alla ricerca di innocenti da condannare più che di colpevoli da processare. Lo si deduce dallo spettacolo rappresentato dinanzi alla seconda sezione penale del Tribunale di Lecce dall’accusa all’attacco di un innocente.
Avendo fatto il Dr. Michele Nardi l’obiettivo di quell’attacco conferma l’esistenza di una sorta di schizofrenica amnesia delle prove della sua innocenza e dell’avvenuta condanna, già da mesi, da parte dello stesso Tribunale di Lecce, in sede di giudizio abbreviato, del beneficiario e reo confesso del “sistema Trani”. Reo confesso di avere creato quel sistema e di averlo gestito assieme all’usuraio estortore D’Introno. Quest’ultimo beneficato ulteriormente, in cambio delle calunnie contro il Dr. Nardi, con lo stralcio della posizione. Stralcio altrettanto incomprensibile quanto l’accanimento dell’accusa contro il Dr. Nardi. Dimenticando come nonostante la tragedia di quasi due anni di carcerazione preventiva e a prescindere dalle prove della sua innocenza, il Dr. Nardi è assistito da due previsioni di non colpevolezza internazionali garantite dall’O.N.U. e dalla C.E.D.U. e da una previsione di non colpevolezza garantita dalla Costituzione italiana.
Fino a quando la gestione della Giustizia in Italia sarà in mano a giustizialisti che, come boia tracimano le vite dei Cittadini incriminandoli e condannandoli senza le prove provate della loro colpevolezza?

GIUSTIZIA KILLERE’ la domanda posta da quanto accaduto ieri, al termine della requisitoria dei pp.mm. di udienza a conclusione della fase istruttoria svolta nelle del Tribunale di Lecce. Quel Tribunale, per quanto territorialmente incompetente a giudicare il Dr. Michele Nardi, ha visto sfilare e ha raccolto le prove di come una persona onesta è stata vittima di una impostazione investigativa accusatoria in cui l’accusa è stata, come sempre, sovrana nel proporre condanne assurde al Tribunale. Quando lo stesso Tribunale avrebbe e dovrebbe emettere una sentenza di assoluzione immediata come prescrive l’art. 219 C.p.p.. La norma prevede l’“obbligo della immediata declaratoria di determinate cause di non punibilità - In ogni stato e grado del processo il giudice, il quale riconosce che il fatto non sussiste o che l’imputato non l’ha commesso o che il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato… lo dichiara di ufficio con sentenza.”.
michele nardi posterCaso unico nella storia giudiziaria italiana: Il Dr. Michele NARDI, sostituto procuratore della Repubblica a Roma, come p.m. che aveva svolto indagini, il 12 Aprile 2018, richiese al Tribunale di ROMA, inviandogli i voluminosi fascicoli con le prove raccolte, di fissare un’udienza per il processo immediato nei confronti di OLIVETI, AURELI, CREMONINI, indagati per truffa ai danni di un medico. A Novembre il Dr. Nardi inviò al procuratore capo dr. PIGNATONE e all’”aggiunto” dr. CUCCHIARI una nota sulla necessità di svolgere ulteriori indagini per diverse e più gravi ipotesi di reato. La nota fu vistata da entrambi i destinatari.
Il Dr. Nardi venne arrestato il 13 Gennaio 2019 su dichiarazioni accusatorie di responsabili di gravi reati, sprovviste di valore probatorio. Per “punirlo” per la richiesta del processo nei confronti dei tre e impedire ulteriori indagini sulle associazioni e gli associati ad essi riconducibili? E’ un problema che si impone per chiunque voglia ricercare la verità. Nella comparazione tra il processo per il quale il Dr. NARDI aveva chiesto al Tribunale la fissazione di un’udienza per la celebrazione del processo e che gli venne sottratto e poi archiviato, e il suo arresto del 13 Gennaio 2019. Sulla base di accuse sciancate e calunnie incredibilmente valorizzate per avviare, a Lecce, un procedimento che sta per concludersi.
Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.