Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
Un'Italia che magna. Un'Italia che soffre. Un'Italia dove chi dovrebbe indagare, tutelare i propri Cittadini è impegnato a tenere la poltrona, a mangiare, ad arricchirsi. Costi quel che costi. Questa è la nostra percezione. Un'Italia dove i Cittadini se cadono in disgrazia perchè magari sono scomodi, vengono abbandonati ai topi e ai sacchi dell'immondizia... E' questo un Paese civile? E' questo un Paese democratico d'Occidente? Uno stralcio della lettera del Dr.Nardi dal carcere di Matera. Lettera qui di seguito pubblicata integralmente: "... Ho dormito vestito infilandomi in un sacco per l’immondizia, su un materasso lercio. I miei compagni di stanza non uscivano dalla cella da tre anni e da tre anni non facevano la doccia. ... "

copertina art 2 lettera nardiPerché il Dr. Michele Nardi il 13 Gennaio 2019 è stato accerchiato in autostrada da quattro auto dei CC e con mitra e pistole puntate in faccia portato in manette in celle malsane e insicure per una custodia cautelare? Perché non ad esempio, ammesso e non concesso si volesse dare credito a un accusatore bugiardo seriale, non concessi gli arresti domiciliari? Perché con fanfare mediatiche nazionali e internazionali è stato tradotto in gabbie e ammanettato per la testimonianza di un Flavio D'Introno, alcololista paranoico in cura al Sert? Un usuraio condannato e in galera per strozzinaggio, un millattantore e un bugiardo seriale! Un accusatore assolutamente inattendibile! Anche uno studente del primo anno di giurisprudenza o di psicologia lo avrebbe capito. A chi gioverebbe togliere di mezzo Michele Nardi? Su cosa stava indagando il P.M. Michele Nardi? Cosa forse non avrebbe dovuto portare a compimento?  Ce lo vogliamo chiedere? O gridiamo alleluja appena sentiamo il tintinnio delle manette basta però che non siano per noi e per i nostri cari. 
letteredalcarceredrnardi

Lettere inviate all’amico Gioacchino Onorati che cortesemente le ha passate al giornale online J’Accuse...! A che il mondo sappia...

Articolo 13. La libertà è inviolabile. Quella del Dr. Michele Nardi Magistrato è stata violata senza una motivazione valida! Sul Giudice Michele Nardi nessuna prova provata. Solo falsa testimonianza da parte del suo accusatore maximo Flavio D’Introno. Usuraio e in carcere per tale attività imprenditoriale, alcolista e paranoico già in cura al Sert. Amatore, millantatore e bugiardo seriale! Ma come si può dare credito a un soggetto del genere privo di qualsiasi attendibilità!
Caso Sistema-Trani su Facebook

kospetizionemarandoPerché il caso giudiziario “Sistema-Trani” che coinvolge Michele Nardi Giudice che cerca verità scomode con coraggio e tenacia viene pubblicato sul gruppo privato “ Scuola di Kos” di Facebook? Gruppo che conta al momento 9.354 membri. Gruppo dedicato alla riforma della Fondazione Enpam. Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Medici. Gruppo che accetta coloro che condividono la petizione di riforma dell’enpam.
Un membro del gruppo, un medico le cui iniziali sono F.B. dopo l'ultimo articolo pubblicato nel gruppo ieri sul caso dal titolo" Flavio D'Introno il grande accusatore di Michele Nardi. Un usuraio in cura al Sert per alcolismo"stamattina ha inviato al proposito un post con un quesito che pubblico insieme alla mia risposta chiarificatrice. Che a quanto pare però non è bastata... Di seguito i messaggi/commenti
Flavio D’Introno ovverosia un alcolista un usuraio un bugiardo un amatore seriale le cui dichiarazioni sprovviste di elementi di riscontro hanno portato innocenti in carcere: Il Giudice Michele Nardi e l'Ispettore di Polizia Vincenzo Di Chiaro

NARDI DR MICHELE DINTRONOMichele Nardi e Vincenzo Di Chiaro in carcere da quasi un anno e mezzo per le accuse di Flavio D'Introno, un imprenditore di professione. Nella vita reale un usuraio e in carcere per questo reato. Un amatore e un bugiardo seriale. Un alcolista riconosciuto e classificato in cura al Sert ( Il SERT è un servizio pubblico del Sistema Sanitario Nazionale per la cura e la riabilitazione di chi ha problemi dall’abuso di sostanze psicoattive, come droghe e alcool ). Un soggetto con disturbi di personalità. E’ quanto emergente dall’interrogatorio di Rosa Grande, una delle sue tante donne da lui amate in contemporanea, nell’Udienza al Tribunale di Lecce del 15 Giugno 2020. 
Ci si chiede con quale criterio sia stato buttato in carcere da quasi un anno e mezzo il Giudice Michele Nardi a seguito di dichiarazioni di un individuo definitivamente condannato per usura, bugiardo e alcolista. Con disturbi di personalità già accertati e che ha evitato per anni di finire in carcere nonostante la condanna definitiva accusando degli innocenti. Ci si chiede se non si possa evitare almeno in futuro il ripetersi di simili realtà che mortificano la giustizia e fanno scempio delle garanzie che il processo dovrebbe assicurare. 
Il Dr. Michele Nardi lascia il carcere 
Questa al momento é la cosa più importante! La Giustizia e la Verità con fatica si fanno strada ma arrivano se si ha il coraggio e la tenacia di perseguirle


michele nardiPerché potrà applicarsi con ulteriore energia e disponibilità di mezzi e strutture, incompatibili con la detenzione, per documentare ulteriormente la falsità delle accuse mosse a suo carico da una cordata in concorso per distruggere la sua onorabilità. Togliergli la Libertà. Perchè è un Magistrato scomodo e incorruttibile. Potrà ulteriormente battersi fino alla assoluzione che documenterà definitivamente la sua innocenza. ( come avvenne, solo per citarne qualcuna, nelle vicende di persecuzioni giudiziarie di Enzo Tortora, del presidente Corrado Carnevale, del presidente Giuseppe Foti e di tanti altri Innocenti ingiustamente perseguitati). E come da sempre il Dr. Nardi, in ogni funzione svolta ha onorato la Giustizia nella ricerca della Verità e contro soprusi, sopraffazioni e strumentalizzazioni. Anche il Dr. Vincenzo Di Chiaro ha lasciato il carcere.
Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.