Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

liberiamo-cani-gree-hillL'operazione denominata “Altrimenti ci Arrabbiamo” è deputata  a richiamare l'attenzione di tutti sul fatto che,in questi giorni, la 14esima Commissione del Senato, sta discutendo sugli emendamenti del 1° febbraio alla Camera dei deputati che dovrebbero limitare e impedirebbero o meno a Green Hill di continuare a lucrare sulla pelle dei migliaia di individui che manda a morire sui tavoli operatori di tutta Europa.

Il 1 febbraio la Camera dei Deputati ha votato con grande maggioranza delle norme restrittive alla Direttiva europea .

Il cosiddetto emendamento Brambilla, se sarà confermato, porterà alla chiusura degli allevamenti di cani, gatti e primati destinati alla vivisezione. Ma anche questa sarà una piccola vittoria. Nessuno potrà impedire che animali destinati alla vivisezione possano essere allevati in altre regioni d'Europa ed importati o, ancora peggio presi per strada i diversi randagi, cani e gatti.

Purtroppo è sempre il dio denaro che gestisce il destino di noi poveri cittadini. Alla faccia della democrazia e del rispetto della volontà dei cittadini che i nostri politici dovrebbero avere.

Mercoledì 21, a Roma,in Piazza Pantheon è stato organizzato un presidio dalle associazioni animaliste ENPA, LAV, LNDC, LEIDAA E OIPA, ed ancora giorno 27 ce ne sarà un'altro davanti a Palazzo Madama .

Con  l’«Operazione altrimenti ci arrabbiamo» si invitano tutti i cittadini a tempestare di e-mail gli indirizzi di posta elettronica di ogni senatore.

Ma ciò che si deve ottenere deve essere l'abolizione totale della vivisezione a favore della sperimentazione scientifica con metodi alternativi.

Sappiamo che la Direttiva europea 2010/63/Ue è un passo indietro per la sperimentazione e chiudere questi allevamenti è solo un primo passo.

 Questo il testo base dell'email da inviare :

Gent.mo Senatore...

noi milioni di cittadini italiani che amiamo gli animali e che abbiamo dei diritti (come recita anche un'importantissima sentenza “il sentimento per gli animali costituisce un valore e un interesse sancito dalla Costituzione ”) chiediamo a gran voce che anche i diritti naturali degli animali vengano rispettati con misure molto più restrittive per il recepimento della legge scandalo europea sulla vivisezione !

Il nostro Stato ha sempre parlato di rispetto, per le leggi giuste, per le persone, per le cose, per gli animali, per la vita in primis!

Chiediamo che qualsiasi emendamento migliorativo rispetto a quello approvato dalla Camera dei Deputati, che non ha convinto nessuno in quanto è solo populismo e favoritismo ed un regalo alle lobbies farmaceutiche perchè di fatto non cambia nulla, venga approvato senza essere snaturato !

Chiediamo che venga rispettata la volontà dei cittadini!! o.. non siamo in democrazia??

Siamo cittadini che votano e pagano le tasse e siamo pronti a far circolare il nome di tutti i senatori, con relativo partito, che decidessero di ignorare i nostri diritti e quelli degli animali in spregio del popolo sovrano.

Ricordiamo le parole di Mahatma Gandhi:

"Non sono contrario al progresso della scienza in quanto tale, al contrario, guardo con ammirazione allo spirito scientifico dell'Occidente e se questa ammirazione ha delle riserve è perché lo scienziato dell'Occidente non ha alcun riguardo per le creature più umili di Dio: io aborrisco la vivisezione con tutta l'anima.

Detesto l'imperdonabile massacro nel nome della scienza e della cosiddetta umanità e considero tutte le scoperte scientifiche che si macchiano di sangue prive di valore.

E credo con chiarezza che spunterà un giorno in cui lo scienziato onesto dell'Occidente porrà dei limiti ai metodi attuali di perseguimento della conoscenza.

Verranno approntate misure che terranno conto non solamente della famiglia umana, ma di ogni creatura vivente.

Di tutti i crimini neri che l'uomo commette contro Dio e il Creato, la vivisezione è il più nero"

Grazie per l'attenzione.....

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.