Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
davide_goliaOspedale San Camillo di RomaIn esecuzione della deliberazione n. 1048 del 28/05/2008. Avviso pubblico a Primario di Neonatologia. All’ospedale San Camillo di Roma il curriculum deve essere “giovane” per essere vincente

Dunque, è arduo parlare dell’argomento in oggetto nel titolo di questo componimento. Assegnazioni di incarichi pubblici. Le modalità. Fino ad ora ho tenuto nel cassetto idee e opere. Ora però penso che sia doveroso, per una corretta informazione, rendere partecipi i lettori di quanto avviene nella gestione del potere. Potere per esempio di bandire un concorso pubblico, come e quando, per uno dei posti più ambiti della sanità. in Italia. Un posto di Primario-Direttore all’ospedale San Camillo di Roma. Scadenza presentazione della domanda, il 16 aprile 2009. Data del concorso ancora sconosciuta, magari a me. Il bando in versione completa si può ancora trovare andando sul sito dell’Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini e digitando “concorsi”.
Tra i requisiti del bando di concorso, segnalo i sottostanti: A pagina uno punto 4:

“4) Anzianità di servizio di sette anni, di cui cinque nella disciplina o disciplina equipollente, e specializzazione nella disciplina o in una disciplina equipollente ovvero anzianità di servizio di dieci anni nella disciplina fermo restando l’obbligo, nel caso di assunzione dell’incarico, di acquisire l’attestato di formazione manageriale previsto dall’art. 15, comma 8, D. Lgs. n. 502/92 e s.m.i..
Fino all’espletamento del primo corso di formazione manageriale, l’incarico sarà attribuito senza l’attestato, fermo restando l’obbligo di acquisirlo entro un anno dall’inizio dell’incarico. Il mancato superamento del primo corso, attivato dalla Regione successivamente al conferimento dell’incarico, determina la decadenza dall’incarico… “


Vi riporto ancora una parte del  punto “ I ” a pagina due del bando.

”… i)… Nel curriculum professionale saranno valutate distintamente le attività professionali di studio, direzionali-organizzative, relative all’ultimo decennio antecedente alla data del bando, certificate ai sensi dell’art. 8, comma 3, del D.P.R. 484/1997, con riferimento:.. .”

Io credo che  non sia proprio legittimo richiedere, come requisito essenziale,  di valutare solo gli ultimi dieci anni  dell’attività professionale di un candidato.  Il curriculum si valuta in toto. Va da sé che a questo punto anche chi ha solo dieci anni di servizio nella branca, se preparato “ad arte” può superare chi ha al suo attivo incarichi prestigiosi ma magari di  undici anni fa e all’indietro. Io credo che questo bando di concorso dovrebbe essere annullato perché viziato. Se sbaglio chiedo venia.

Devo ancora aggiungere, ma non so se sia vero,  che farà parte della Commissione esaminitrice anche il Professor Marcello Assumma., il “vecchio” primario dell’Unità Operativa di Neonatologia, ora in pensione da circa un anno. Primario che prima di abbandonare il posto di comando ha  consegnato il timone  di guida  ad una sua collaboratrice di fiducia. ( leggere a tal proposito l’articolo: "I Primariati di Roma... sotto l'ombra del Cupolone...” pubblicato su  radiocivetta il 23 maggio 2008 ). Collaboratrice che lui dovrebbe esaminare se effettivamente fosse in commissione d’esame.

Pare che i concorrenti al posto di Primario, che ora si chiama Direttore,  provenienti  dall'Unità Operativa di Neonatologia del San Camillo siano solo due, su circa una quindicina di neonatologi, alcuni dei quali con anzianità di servizio superiore ai due candidati. Ma nessuno tra questi ha presentato domanda per partecipare al concorso pubblico. A parte i due, come si è detto. La   dottoressa facente funzione di Responsabile e un altro medico. Entrambi fino all'anno scorso "discepoli" del Professore Assumma Marcello. Il loro primario. Esisterebbe qualcosa che si chiama incompatibilità "territoriale". Ma certamente la notizia non deve essere vera. Il Professor Assumma non sarà nella Commissione esaminatrice. Le solite male lingue... Se invece ci fosse ,  allora il pudore è una parola in aramaico antico, sconosciuta ai più degli italiani. Quelli che si nutrono di gossip di quarta categoria e leggono con passione giornali "intelligenti". Tipo "la Repubblica" per fare un esempio breve.

I non contendenti, i circa quindici neonatologi che si sono autoesclusi, lo hanno fatto perché timidi o umili? O perché sapevano di non potere competere? Non essendo sufficientemente “giovani” e magari avendo già conseguito “l’attestato di formazione manageriale previsto dall’art. 15, comma 8, D. Lgs. n. 502/92 e s.m.i.” e magari avendo al proprio attivo molto più di dieci anni di servizio da far valutare alla Commissione. O più semplicemente perchè sanno di non avere possibilità alcuna perché i giochi potrebbero essere “direzionati”?  

Ancora una cosetta sull’Azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini di Roma. Piovono incarichi professionali “ ALFA3"  all’insaputa di alcuni titolari stessi assegnatari da anni di tali incarichi. Ecco il fatto: un medico del San Camillo  era ignaro che dal 2006  dirigeva un ambulatorio specialistico. E’  venuto a conoscenza della cosa molto casualmente, quando,  qualche mese fa ha chiesto un certificato di servizio! Su tale certificazione si attesta che il medico dalla data 01.01.2006 a tutt’oggi 09.04.2009, ha avuto l’incarico professionale  "ALFA3" con delibera n… ed “ è nelle more del rinnovo dell’incarico… “.

Inutile raccontarvi della sua sorpresa. La cosa interessante è che  dovrebbe rendere conto all’Amministrazione alla fine del mandato (non ha mai firmato per accettazione nessun mandato o contratto che sia ), cioè a fine 2009, del carico di lavoro effettuato. Ma cosa dovrebbe rendicontare se di questo ambulatorio fantasma assegnatogli di fatto, non ne ha mai saputo nulla?

Come mai l’Amministrazione dell’Azienda ha fatto una nomina formale senza in realtà concretizzarla? Forse aveva degli obblighi e voleva “formalmente” mettersi a posto (sulla carta) ma senza dare nulla a chi non era nelle grazie di qualche Golia?
Clicca per scaricare
BANDO DEL CONCORSO NEL FORMATO PDF

Post scriptum: DELIBERA 1122 DEL 20 MAGGIO 2009.
ASSUMMA MARCELLO COMPONENTE EFFETTIVO COMMISSIONE D’ESAME! ESAMINARA’ CHI HA MESSO A DIRIGIRE L’UNITA’ OPERATIVA DOPO LA SUA “DIPARTITA” E ANCHE ALTRI SUOI EX COLLABORATORI. SI PUO’ FARE?
Abbiamo appena avuto la certezza: il Professore Marcello Assumma, 71 anni e quasi tre mesi di vita, in pensione dallo scorso anno dal posto di Primario/Direttore dell'U.O.C. di Neonatologia e TIN Azienda ospedaliera  San Camillo Forlanini, fa parte della Commissione d'esame. E'uno dei due  Componenti effettivi. L’altro Componente effettivo è il Professor Paolo Giliberti – Direttore della Struttura Neonatologica e TIN dell’Ospedale Monaldi di Napoli. Il Presidente della Commissione è il Dottor Diamante Pacchiarini – Direttore Sanitario Aziendale. Tutti designati dal Collegio di Direzione. Amen.

"Giusta" Delibera n. 1122 del 20 maggio 2009.
PER LEGGERE LA DELIBERA CLICCA QUI.


davide lancia la pietra a golia rd150





Davide





POSTILLA IMPORTANTE PER CONOSCERE LA STORIA DALLA PRIMA PUNTATA:

Cari lettori vi rimandiamo alla prima puntata della telenovela. Leggete questo articolo premonitore scritto e pubblicato su RadioCivetta nientemeno più di un anno prima. Il 23 di maggio 2008. Cliccando sul titolo sottostante sottolineato " I primariati di Roma sotto l'ombra del cupolone... "si aprirà il saggio.


I Primariati di Roma... sotto l'ombra del Cupolone...

Roma - 23 maggio 2008


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.