Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
manifestaz 30 luglio 1
Vaccinazione Sars-Cov-2 imposta per la malattia Covid19 con una sostanza che non è un vero vaccino. Ma è materiale genico che finora ha prodotto migliaia di eventi avversi, alcuni gravissimi e anche mortali. La trombosi  non è un raffreddore. Sono immensamente più i danni prodotti, che produce l'inoculazione di questa sostanza ad esito troppo spesso nefasto, che il beneficio. 
Il Popolo italiano libero e dignitoso chiede a gran voce da ogni Piazza d'Italia la Libertà negata. NO alla dittatura pseudosanitaria. NO ai ricatti. La Libertà è stata violata. Da mesi, da settimane e a oltranza si andrà pacificamente in piazza a manifestare il proprio dissenso. I nostri Padri hanno pagato con il sangue la Libertà conquistata. Dobbiamo e abbiamo il dovere di mantenerla.
 
Questa Libertà non la faremo massacrare con motivazioni fasulle. Non la barattiamo. Viene prima del lavoro, della famiglia. Dei viaggi e dei ristoranti. Senza Libertà non si costruisce niente!
La scienza ha dimostrato che questo cd vaccino non produce immunità totale. Gli anticorpi specifici scompaiono dopo pochi mesi. Ed è inefficace davanti all'incalzare delle varianti. I vaccinati si sono riammalati e sono contagiosi. Non è onesto criminalizzare coloro che in scienza e coscienza decidono liberamente di sottrarsi a questa sperimentazione di massa ce pretende di farne delle cavie. Giù le mani dai bambini. Dai giovani!
Da Piazza dell'Esquilino in Roma venerdi 30 Luglio scorso la manifestazione pacifica e composta ma ferma. Che venga rispettata la Carta Costituzionale. Violata.

Aggiungi commento

Commenti  

#1 Maria Grazia Francia 2021-08-05 03:23
sono d'accordo però esempio persone come me con salute cagionevole,prima di convincermi a farmi il vaccino credetemi ciò riflettuto tantissimi mesi e ho preferito farlo perché cmq una salvatina la da:-)),io ho fatto cmq dal mio medico di base il moderna.
Commento
Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.