Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
Ci volevano alcuni arresti eccellenti per mobilitare Vittorio Sgarbi e Marco Taradasch a raccogliere firme contro la malagiustizia?

Quando furono arrestati, sempre preventivamene,  nel 2004,  Camillo Valentini, Sindaco di Roccaraso,  suicidato nel carcere di Sulmona e poi da morto risultato innocente e l'avvocato Giuseppe Lupis, arrestato in Calabria due volte in un anno, sempre il 2004,  “per reati concatenati” e in corso di giudizio"a piede libero" e ancora tanti atri iperseguitati, i due dell'Ave Maria dov'erano? Dove sono? Forse non erano  al momento maturi i tempi... Speriamo che le loro fatiche diano buoni frutti...

Il Governatore dell’Abruzzo Ottaviano delTurco e alcuni assessori in carcere e in isolamento per “ Le mele delPresidente” che sarebbero state scambiate il giorno dei morti, 2 novembre 2007con mazzette di centinaia di migliaia di euro. "Ogni mela 50.00euro." Quattro mele200.000 Euro. La matematica non fa sconti. Questo è scritto  tra l'altronell’ordinanza di 442 pagine del giudice e per la quale sono scattate lemanette “ ai grandi d’Abruzzo”.

Accuse: associazione a delinquere, corruzione e concussione per gestione privata nell’ambito della Sanità eccetera eccetera… Non è la prima volta né sarà l’ultima, purtroppo chele porte del carcere si aprano e accolgano tra le forti mura delle celle uomini e donne. Togliendo loro la libertà prima che le accuse siano provate e prima della celebrazione e conclusione dei processi nei vari gradi. E senza poterevedere legali e familiari prima dell'interrogatorio. Insomma un sequestro di persona in piena regola.

Distruggendo reputazione,dignità e talvolta la stessa vita di persone risultate poi, a volte, estranee ai fatti e totalmente innocenti. Nel carcere di Sulmona dove si suicidò Valentini, sindaco di Roccaraso, arrestato durante la festa di compleanno della figlia nell'agosto 2004 e morto suicida in carcere. Risultò poi  estraneo ai fatti per cui era stato tradotto in carcere  dove vi trovò la morte


Ci chiediamo perché ogni tanto e raramente, qualcuno si svegli e si mette a raccogliere firme contro qualcosa. Stavolta contro la malagiustizia. La giustizia dovrebbe essere d'Ufficio.

Comunque è una iniziativa condivisa e lodevole e lo sarebbe stata di molto dipiù se fosse stata fatta anche per gli anonimi della strada o per il generico assunto: non si arresta preventivamente. Se l'imputato è socialmente pericolosolo si ricoveri momentaneamente in reparto di psichiatra e lo si curi. Intanto si indaghi e si faccia il processo. 
 
 

Ci chiediamo ancora perchél’Onorevole Vittorio Sgarbi amico e già cliente dell’Avvocato Giuseppe Lupisnegli anni passati e in processi scottanti, come quello ad esempio del 1997 cheLo vedeva imputato, Lui, Deputato alla Camera all’epoca dei fatti, nella causamossagli da Gian Carlo Caselli che al tempo guidava la Procura della Repubblica di Palermo e faceva parte del poolantimafia, non abbia già da allora intrapreso questa lodevole iniziativa per l’Avvocato Giuseppe Lupis ingiustamente incarcerato e per ben due volte.
Per “ La pistola abusiva” e per “Calunnia a magistrato” nel 2004.
Eppure anche in questo caso gli arresti sono stati” preventivi”.
L’avvocato Giuseppe Lupis è stato ospite anche nelle trasmissioni televisiveche il Dottor Vittorio Sgarbi conduceva. Trasmissioni dal titolo”Sgarbiquotidiani”, in onda nei primi anni novanta.
Forse tra i due, Lupis e Sgarbi qualcosa deve essere andato storto… ma questonulla avrebbe a che fare con la richiesta di una “sanagiustizia” al di là diogni cosa.

LaGiustizia dovrebbeessere intorno a Noi, sopra di Noi.
Non sotto i Piedi di molti!

 

Post scriptum: possiamo notare che l’Avvocato Lupis non è solol’avvocato dei boss mafiosi, come viene definito dai gazzettieri nostrani, maanche di politici in vista.
E’ stato il difensore dell’Onorevole Sgarbi, E anche di molti altri. Nominosolo lui perché di lui si parla in quest’articolo. E’ l’avvocatodell’aristocrazia. A meno che l’Onorevole Vittorio Sgarbi e la ContessaEnrichetta Lucifero non siano anche loro boss della mafia! E non lo sanno.


                                                                  

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.