Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

LA SINDROME DEL GREGGE: SI PERFEZIONA IL COLPO DI STATO ANCHE PER LA VILTA’ DELLE CLASSI POLITICHE E DELLA STAMPA ITAGLIANE

giostra-600-px copia“ROMA - Secondo il Wall Street Journal la cancelliera tedesca Angela Merkel «incoraggiò gentilmente» il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ad operarsi per cambiare la guida del governo italiano ed avviare una fase di riforme profonde. Una richiesta contenuta in una telefonata, già nota ma della quale il giornale americano rivela alcuni dettagli, effettuata nella serata del 20 ottobre. Silvio Berlusconi diede le dimissioni 23 giorni dopo, il 12 novembre.

La ricostruzione è stata seccamente smentita dal Quirinale e anche dal governo tedesco. La telefonata della Merkel a Napolitano avvenne in una fase caldissima, lo spread nei confronti dei titoli tedeschi si aggravava ogni giorno, e solo tre giorni dopo, il 23 ottobre, si verificò l’indimenticato episodio delle pubbliche risatine su Berlusconi scambiate pubblicamente in conferenza stampa fra la stessa Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy..”.(Da  Il Messaggero, 31 Dicembre 2011).

 

La notizia diffusa ieri, 30 Dicembre, dal WALL STREET JOURNAL della telefonata al veterocomunista NAPOLITANO dalla cancelliera tedesca nata nella felice DDR – REPUBBLICA COMUNISTA DELLA GERMANIA DEL’EST per chiedere l’eliminazione di BERLUSCONI era stata smentita quasi immediatamente dagli esponenti politici del partito di quest’ultimo con un argomento decisivo: “Se mai avesse ricevuto una richiesta del genere NAPOLITANO avrebbe riattaccato il telefono…”.

L’esaltazione del buon gusto e del senso della dignità di NAPOLITANO avrebbe avuto un senso se mai costui avesse dimostrato di esserne dotato. In mancanza è solo una manifestazione della sindrome del gregge che ha contagiato politici e militanti spacciatisi per anni “di destra” per lucrare benefici e ora alla ricerca di contatti con il nuovo potere nato dal colpo di Stato realizzato come avevamo denunciato fin dal 12 Novembre 2011 in assenza di ogni reazione di dignità da parte del corpo sociale e dei ceti politici.

Riportiamo qui di seguito link dell’articolo pubblicato quasi due mesi fa dal titolo: “TOVARISH NAPOLITANO REALIZZA IL SOGNO MANCATO DEL 1956... "Pubblicato Sabato 12 NOVEMBRE 2011 11:18. Cliccando sul titolo si apre direttamente l'articolo.

giorgio-napolitano-loroTOVARISH NAPOLITANO ha avuto il plauso dei dilettanti al governo negli STATI UNITI, IN FRANCIA e nelle agenzie usuraie internazionali  mascherate dietro ogni sigla e che reduci dai disastri provocati in NORD AFRICA  dove hanno introdotto la LIBERTA’ con la SHARIAH della lapidazione e pena di morte a frustate. OBAMA, SARKOSY, MERKEL e il più defilato CAMERON con TOVARISH NAPOLITANO hanno introdotto la cafonaggine come connotazione dei rapporti internazionali formulando e accettando auguri per “il nuovo governo” imposto in ITAGLIA dall’usura rampante   internazionale mentre è ancora in carica il GOVERNO ITALIANO liberamente eletto da un POPOLO NON ANCORA ASSERVITO appena tre anni fa.  

In un paese civile il PARLAMENTO in cui esistesse la DIGNITA’ e la consapevolezza del proprio ruolo avrebbe almeno avviato una indagine per verificare se non ci si trovi dinanzi a un TRADIMENTO DELLE ISTITUZIONI REPUBBLICANE E DELLA COSTITUZIONE. E avrebbe richiesto ai ministri ancora in carica di GISTIZIA e degli INTERNI se l’avvertimento del replicante di TOVARISH NAPOLITANO di “NON SCHERZARE COL FUOCO” non rappresenti un attentato alla DEMOCRAZIA. Se esistessero DIGNITA’ e DEMOCRAZIA non si consegnerebbe lo STATO (POPOLO, TERRITORIO e POTESTA’ D’IMPERIO) a chi con quell’espressione ha evocato  l’usura internazionale assicurando con la quale e per la quale, anche senza i carri armati dei TOVARISH SOVIETICI, si realizza un sogno del 1956. Contro la Libertà e la Democrazia. E con la complicità di quanti pur avendo il DOVERE e ancora il POTERE di ostacolare la realizzazione di quel sogno per VILTA’ si adeguano.”.

Questo avevamo scritto due mesi fa. Accettare contatti con soggetti che hanno ridicolizzato non BERLUSCONI ma il GOVERNO ITALIANO in una conferenza stampa; accettare “AUGURI PER IL NUOVO GOVERNO ” ancora da costituire; dire di “NON SCHERZARE COL FUOCO” a chi dissentiva da quei comportamenti, ERANO ELEMENTI PIU’ CHE SUFFICIENTI IN UN PARLAMENTO CONSAPEVOLE DEL PROPRIO RUOLO per avviare almeno una indagine sul rispetto della COSTITUZIONE. PER MOLTO MENO ERA STATO INDAGATO FRANCESCO COSSIGA PER VERIFICARE SE AVESSE ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE COME PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA.

Se due mesi fa si fosse deciso di venir meno ai propri doveri  per evitare di “SCHERZARE COL FUOCO” perché frastornati da quelle minacce e per l’assicurazione di una immediata inversione della deriva economico e finanziaria negativa oggi quell’alibi non regge più e documenta solo la viltà più assoluta nel leccare il potere consolidatosi e mostratosi in tutto il suo cattivo gusto sul palco reale de LA SCALA a fare corona al COMMENDATORE del Don Giovanni  ventriloquo minaccioso freudianamente di sfracelli agli ITAGLIANI. Senza alcun progetto di rinascita dell’economia, del SUD, delle possibilità di LAVORO, delle LIBERTA’ VIOLATE.

Oggi l’ipotesi di un attentato alla COSTITUZIONE con un colpo di STATO imposto pretendendo l’adesione del PARLAMENTO diviene almeno meritevole di una seria indagine dopo la notizia della telefonata che se dubitabile per il contenuto esplicito va esaminata nel contesto delle risatine tra fantesca e sergente di Waterloo sul GOVERNO ITALIANO non contrastate certamente accettandole senza reagire assieme agli auguri “per il NUOVO GOVERNO”, ancora da costituire mentre era ANCORA IN CARICA quello eletto democraticamente tre anni prima.  Specie dopo la confessione freudiana - di due giorni fa del presidente del CONSIGLIO DEI MINISTRI ITAGLIANO – della consapevolezza di essere  attenzionato ( si dice così? ) in GERMANIA per le lacrime e sangue assicurate agli ITAGLIANI invece di una politica di sviluppo nel MEDITERRANEO, nel SUD, nel rispetto della COSTITUZIONE. A prescindere da quanto pubblicato dal WALL STREET JOURNAL.falcoverde

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.