Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

La Germania di Adolf Hitler e di Angela Merkel. L'Italia di Napolitano e Monti. Attenti a quei due!

merkel-sarkozynorimberga-vergine copia Un esempio: Il capo dello Stato italiano, Giorgio Napolitano, dalla sera alla mattina il mese scorso ha, eletto senatore a vita il professore Mario Monti che proviene dal mondo finanziario, leggasi BANCHE. il Monti non è che ha accettato rinunciando ai benefit conseguenti alla nomina. 25.000 ( venticinquemila) euro al mese finchè campa. A vita intendesi. No Ha acchiappato titoli e soldi.

E poi con aria sobria da la colpa allo sfascio economico "agli italiani" intendesi tutti, anche i precari, cassaintegrati, disoccupati e intanto si pappa il vitalizio. Sicuramente con i soldi che ha avuto, ha e avrà, la sua salute sarà di ferro. Avendo assicurata una vita comoda anzi lussuosa e uno staff di medici e cliniche magari svizzere che fanno  tendenza. Strilla e sbraita, sempre sobriamente, che noi italiani dobbiamo fare sacrifici. Ha firmato il decreto contenente le nuove norme, sottoscritto stamattina dal Presidente  Giorgio Napolitano. Entro 60 giorni da oggi questo decreto dovrà essere approvato dal Parlamento.

Quesito: Il Parlamento accetterà a capo chino questa disposizione capestro o avrà un anelito di dignità e coraggio e la boccerà? Le Norme contenute nel decreto per superare la crisi  gridano vendetta tanto sono inique verso la fascia più debole degli italiani. Ormai la stragrande maggioranza.  

Onorevoli componenti il Parlamento italiano, che farete? Dopo avere rinnegato il voto degli italiani avallando un Governo che non è passato per le urne volete ancora continuare a darci calci in bocca approvando “le tavole degli iniqui”?

verginenorimberga copiaE noi stiamo a guardare. Inermi. Ma quando il popolo si sveglierà e farà sentire la sua voce alta e chiara? Tutti si lamentano ma poi si sottomettono, in moltissimi, al carro dei vincitori. La Germania nel medioevo aveva la “Vergine di Norimberga” che era la statua di ferro all’interno della quale venivano chiusi gli sventurati destinati a morire trafitti dagli aculei che li colpivano nelle parti sensibili ma non mortali quando venivano chiusi dentro. Poi, molto poi,  venne Hitler con campi di concentramento. Nessun commento… Nel presente la Germania vanta il condottiero Angela Merkel.

persefone-museo-berlino copiaPer i tedeschi i metodi per infliggere supplizi  sono il loro passatempo e specialità. La Germania deve essere la prima donna d’Europa. Con le buone o con le cattive ( in genere con le cattive).  E l'Italia e gli italiani i loro balocchi da rompere. Quando si dice l’invidia. Le loro donne hanno preferito da sempre i nostri uomini latini. Loro, i teutonici, hanno fatto strage dei nostri tesori artistici trafugando opere di immenso valore (un esempio tra molti:  la Persefone del Museo di Berlino proviene da Locri). Per non parlare del loro clima gelido e grigio e invece il nostro:  sole mare e meravigliose montagne. E un carattere solare e allegro. In genere.  Noi siamo stati benedetti da Dio. Questo non ce lo perdonano. Ci stanno sadicamente mettendo in ginocchio in collusione con “i grandi della terra”. Da loro impera da secoli il Male. La loro  terra ha accolto i più grandi campi di sterminio della storia. Milioni di esseri umani rinchiusi a gasati.

eam -  Roma 05 dicembre 2011

Lista dei campi di concentramento creati dalla Germania nazista prima e durante la seconda guerra mondiale.

Arbeitsdorf

Bergen-Belsen

Breitenau

Buchenwald

Dachau

Flossenbürg

Fullen

Gross-Rosen

Hinzert

Kaufering/Landsberg

Langenstein-Zwieberge

Malchow

Mittelbau-Dora

Neuengamme

Niederhagen

Oranienburg (vedi Sachsenhausen)

Osthofen

Osthofen

Sachsenhausen

Il totale di tutte le vittime ammonta a circa 6 milioni di morti dal 1933 al 1945


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.