Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

LO STERMINIO DELLA NAZIONE NAPOLETANA NON E’ RIUSCITO DOPO CENTO CINQUANTA ANNI DALL’AVVIO DELLE STRAGI - SI RIPARTE SOSTITUENDO AI BERSAGLIERI DI LAMARMORA L’INQUISIZIONE ANTIMAFIA RINNEGANDO LA STORIA.

savoia-lager-400-pxI vari comitati per i festeggiamenti dell’“unità d’Italia” lamentano lo scarso entusiasmo che accompagna le loro fatiche per il cento cinquantesimo anniversario dell’avvenimento. Fanno finta di non sapere come lo scarso entusiasmo nasca dalla percezione popolare di come dietro la retorica dell’“unità” in effetti si festeggia la morte del Diritto internazionale nei rapporti tra Stati, l’avvio scientifico delle stragi di milioni di Cittadini per distruggere la Nazione soggiogata, la distruzione e manipolazione della Cultura e della Storia per nascondere quelle realtà.

fenestrelle-borboniL’invasione criminale e mafio savoiarda del Regno delle Due Sicilie fu tutto questo. E per quanto ci si sforzi di negarlo nel patrimonio genetico dei Cittadini del Regno delle Due Sicilie se ne ha la precisa cognizione che no può essere eliminata o mortificata dalla retorica di quanti nati nel SUD ne hanno tradito le origini e i Diritti. La “Nazione italiana” non è mai esistita. La si richiama per derubare ancora la Nazione Napoletana e Siciliana dei Suoi Diritti all’indipendenza e alla Libertà dopo cento cinquanta anni di occupazione militare mafio savoiarda con l’utilizzo di personale militare e paramilitare proveniente dalle Regioni del SUD cui s’è fatta dimenticare la propria origine, i propri diritti, la propria storia. Affiancando a quel personale un apparato mafio giudiziario che rappresenta il capolavoro del colonialismo mafio savoiardo per schiacciare dietro l’apparenza della legalità ogni possibilità di rinascita della Nazione Napoletana e Siciliana, spacciando per “legalità” operazioni militari quotidiane di rastrellamenti e arresti nascoste dietro la retorica dell’antimafia.

targa-fenestrelleA tutto ciò si accompagna una mancanza di decenza che non esita a decantare le bellezze del forte di Fenestrelle a guardia delle valli piemontesi. Facendo finta di dimenticare come Fenestrelle fu il primo lager europeo. In esso furono sterminati oltre ventimila Soldati dell’Esercito Napoletano per non avere tradito il proprio Re e la propria Nazione. Neppure i sovietici fecero di peggio a Katin dove lo sterminio dei Soldati dell’Esercito Polacco fu più contenuto e meno crudele perché la morte fu assicurata con un colpo di arma da fuoco anziché dalla fame e dalle malattie.


detenuti-fenestrellebrigantaggioNei dieci anni succesivi l’esercito mafiosavoiardo che aveva invaso il Regno delle Due Sicilie sterminò oltre un milione di Cittadini. Più di quanti siano stati assassinati negli Stati Uniti d’America nel corso delle guerre indiane. Ma con la differenza che agli Indiani è stata resa giustizia. I Cittadini del Regno delle Due Sicilie sterminati ieri continuano a essere definiti briganti nel significato più spregiativo mentre si pretende di festeggiare quanto fu operato fraternamente dagli eserciti dei criminali mafiosavoairdi che anticiparono gli stermini nazisti e comunisti nell’Europa del secondo dopoguerra. E il terrore della verità della Storia porta a nascondere ancora oggi, dopo cento cinquanta anni dalle stragi mafiosavoiarde, l’esistenza sul territorio della penisola italiana della Nazione Napoletana e Siciliana. E a pretende di festeggiare il ripetersi dei tentativi di distruggerla.

falcoverde

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.