Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

cinaafricaHo preso tempo prima di scrivere qualcosa sui fatti terribili che sono accaduti a Rosarno. Nella Regione Calabria. Ho visto qualche Tg, letto qualche editoriale. Non ho guardato Santoro nella sua arena sangue e morte di annozero. Non lo tollero. Non tollero lui, i vauro e i travaglio che affollano quella “piazza sanguinaria”. Associazione di figuri che se fossero calabresi si chiamerebbe Associazione a delinquere o concorso esterno ad associazione mafiosa. Perché come vorreste chiamare voi un gruppo di gente che diffama deliberatamente spesso persone innocenti solo perché calabresi o elettori del Berlusca nazionale o non di sinistra? Calunniatori è troppo poco. Sono mafiosi. Punto. Questa è la vera mafia. Quella dell’informazione faziosa e distorta. Con dolo.

Vedo con l’animo colmo di tristezza lo scempio perpetrato alla povere semplice gente di Calabria. Alla Calabria stessa. Terra che in Italia non vi è uguale tanto è meravigliosamente bella. Perciò da abbattere. E perché direte voi? Primo perché farebbe troppa concorrenza agli stabilimenti dell’Adriatico, del Tirreno “alto” e così via. Non è paranoia. E’ realtà. L’invidia muove il mondo degli interessi. Rimini sparirebbe dopo un secondo se in Calabria vi fossero le stesse strutture ed opportunità. Li non si chiede ai ragazzi locali di vivere raccogliendo mandarini stagionalmente. A Rimini e dintorni ai giovani vengono offerte ben altre opportunità. In linea con i nostri tempi. Ma in Caloria il lavoro c’è dicono illuminati analisti giornalist e politici.. Raccogliere arance. Ok. Si può fare anche questo perché no. Per scelta però. Non per disperazione. Cerchiamo pari opportunità per tutti. I genitori hanno speso e spendono tutti i loro miseri risparmi per fare studiare i propri figli e vorrebbero per loro un mondo migliore. Diverso dal loro. Fatto di fatiche e schiena spezzata.

renato-farinavittorio-feltriNon dimenticatelo, caro Renato Farina, Lei che ieri sul “il Giornale” a pagina 4 ha pubblicato un articolo dal titolo “Quel Sud messo in ginocchio dal vizio di non voler faticare e caro direttore Vittorio Feltri, che nello stesso numero in prima pagina ha titolato il suo editoriale:”HANNO RAGIONE I NEGRIe nell’editoriale di oggi, sempre stesso quotidiano  scrive rivolgendosi ai calabresi:” QUELLI CHE SBAGLIANO MIRA ANZICHE’ AI NEGRI, SPARATE AI MAFIOSI”. Perchè non mandate i vostri figli a raccogliere arance visto che è un nobilissimo travaglio che nobilita l'uomo? Ma si può essere più banali e superficiali di così? A parte che è un’incitazione alla violenza, è un’offesa alla vostra intelligenza. Analisi stupide, pressappochiste, da mercato rionale. Eppure siete grandi giornalisti. Ma il pregiudizio verso i calabresi vi acceca.

E ancora, perché si deve abbattere ogni possibilità di progresso in Calabria? Perché la Calabria è il trampolino da cui partono e arrivano i traffici internazionali via mare. Non controllabili tanto come la via aerea e stradale. Hanno bisogno di posti sicuri dove imbarcare e sbarcare merce scomoda. Se la Calabria si criminalizza nessuno vi pone piede. Ed è a disposizione per questi intrallazzi. Droga, armi, rifiuti radioattivi anche dall’Europa continentale.

E chi conduce le fila? Chi ordisce questi intrallazzi? Ci siamo mai chiesti qual è il gioco delle parti tra i controllati e i controllori? Si controllano a vicenda. Da che mondo è mondo è così.. La Calabria è bagnata su tre lati dal mediterraneo. Quasi come un’isola. Coste meravigliose che se fossero curate sarebbero la Mecca del Turismo. Invece no. Coste pericolanti e pericolose. E devono restare così. A due passi a ovest c’è lo stretto di Gibilterra, a sud le coste dell’Africa, ad Est la Grecia, l’Albania. I Balcani e attraverso questi il medioriente. “E da qui e per qui” traffici andata e ritorno con le coste calabresi. Traffici di droga e armi sottocoperta. Scorie radioattive da affondare o sotterrare nei territori vicini. Traffici che fruttano miliardi di euro. Così si vocifera sottovoce tra gli abitanti delle coste calabresi. Tra i pescatori, tra i contadini, Nella bassa manovalanza che poi spesso viene messa fuori uso e le si tappa la bocca con la targa di ‘ndranghetista. E il gioco è fatto. Però questi balordi ‘ndranghetisti” non bastano e non giustificano a coprire i traffici di miliardi di euro. Sono solo schiavi “negri anch’essi” di potenti insospettabili che magari siedono su poltrone istituzionali in Calabria e a Roma. Per portare avanti questi traffici ci vogliono i “ pali” che diano il via libera. E i “pali” in genere sono insospettabili. Spesso potrebbero essere “Colletti bianchi”che usano la politica come lasciapassare diplomatico. Non controllati. Non controllabili. Ma controllano. E così tutti gli sciancati calabresi diventano “’ndraghetisti”. E devono raccattare arance e mandarini per sopravvivere.

ghana-rosarnoI negri di Rosarno e gli abitanti di Rosarno sono legati dallo stesso destino. Sono due facce della stessa medaglia. Schiavi. Il conflitto che è scoppiato tra loro dovrebbe coprire di vergogna i rappresentanti del Consiglio regionale calabrese che non sono stati capaci di tutelare nessuno. Né i propri cittadini né gli ospiti. A cui comunque va il nostro grazie per il lavoro svolto e sottopagato. Vilipesi per essere stati “ospitati” nella terra d’accoglienza come cani rognosi. Vergogna. Se si aprono le porte di casa l’ospitalità deve essere rispettosa e degna. Altrimenti non si fanno le nozze con i fichi secchi.

rivolta-africani-rosarnoL’Africa è un continente ricchissimo. Pronto per essere pappato dalla Cina. Già lottizzato. E si spediscono gli africani in Calabria. Per lottizzare anche l'Italia. Si comincia cosi... La Calabria, una terra poverissima al limite della sopravvivenza. Era una guerra annunciata. Questione di tempo. Una polveriera pronta ad esplodere. Una scintilla alla miccia. E così la scintilla è partita da un atto vandalico. L’africano che incurante di tutto e tutti ha tirato fuori l’arnese e si è messo urinare sotto la finestra dove una donna era affacciata. La polveriera è esplosa perché il marito della donna, furibondo, ha sparato il pisciatore sfrenato con un fucile ad aria compressa. Si è scatenato l’inferno. Né vincitori né vinti tra africani e rosarnesi. Solo umiliati e offesi. Da uno Stato assente. Vinte le istituzioni.

bronzi-riaceLe guerre fratricide sono una vergogna. Non ho apprezzato ieri sera, nel Tg3 nazionale delle 19 e 30, il bello e buono e bravo sindaco di Riace che illustrava l'Eden multietnico che alberga nel suo Comune.  Faceva vedere i gruppi palestinesi, marocchini, e quantaltro come in una sorta di paradiso terrestre. Tutti integrati. Tutti belli. Un'armonia da telenovela .E invitava i poveri africani scacciati dai cattivi rosarnesi ad andare da lui, da loro, a  Riace,  tanto sono accoglienti.  Questo mi appare come uno sciacallaggio. Non credo che i fratelli rosarnesi siano degli aguzzini razzisti. Vogliono solo rispetto. Magari esasperati, dalla ragione sono passati al torto. Ma ce ne corre tra un tiro al bersaglio con aria compressa ( comunque assolutamente deprecabile ) che fa solo un po male e avrebbe potuto fare peggio, e una rivolta tribale sanguinaria. Ad personam. In centinaia con spranghe e mazze. Una rabbia micidiale che non ha risparmiato donne, bambini, uomini e cose. Un plotone d'esecuzione che non ha risparmiato niente e nessuno.

agazio_loiero_130pximmigratiSiamo vicini al popolo di Rosarno e anche agli immigrati africani. Condanniamo però la violenza. Se giustizia doveva essere fatta bisognava rivolgere le proprie attenzioni ai governanti. Non dandogli alcuna fiducia, non votandoli più. Chi apre le porte del nostro Paese deve essere consapevole di molte cose. Altrimenti si prepara una miscela esplosiva. E chi ci dice che, come novello cavallo di Troia, i barconi dei disperati spesso non ci consegnano guerriglieri al soldo dei terroristi? Fantasia? Sarà...
E ad ogni modo si ospita chi si può ospitare. se non abbiamo le condizioni non ospitiamo. Perchè le ospitalità ricadono sulla testa della povera gente. Specialmente in Calabria dove gli sbarchi sono pressocchè giornalieri.

Ci si può risollevare solo con la cultura e la consapevolezza dei propri diritti e doveri. Senza fare sconti a nessuno. Tutti politici calabresi, in Calabria e fuori calabria facciano ritorno a casa. A raccogliere bergamotti e mandarini. Si sono troppo arricchiti alle spalle dei poveri balordi calabresi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.