Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

ferruzzano_25_apr_09  carogna_1_400_rdOggi un 25 aprile da paura che nasce da una domanda: Al Sud e a Ferruzzano quando arriverà la Liberazione dagli amministratori incapaci che inquinano ambiente e società e distruggono le nostre ricchezze?

Ultimamente quando penso alle regioni del Sud  il mio cervello si blocca. Perché sono talmente disgustata dall’immobilismo che sovrano avvolge tutte le istituzioni. Il sistema operativo in  queste regioni è talmente impallato che non si cava un ragno dal buco. Le indagini delle forze dell’ordine che, da documenti visionati, devo dire funzionano alla grande, ad un certo punto delle operazioni, quando hanno tanta carne al fuoco, non si sa come si interrompono . Tutto rimane “sotto coperta”.

ferruzzano _lgm_2_rd_150Oggi è 25 Aprile festa della liberazione. Mi trovo nel mio paesello natìo,  Ferruzzano. Sono scesa dalla capitale per respirare un poco d’aria buona. Aria di mare. Stamattina ho fatto una passeggiata con il mio cagnolino Argo sul lungomare diroccato e franato. Amo il rischio. Ho liberato il mio cocker a che si sgranchisse le gambe. In genere è sempre, secondo le regole,  tenuto al guinzaglio durante le camminate all’aria aperta.

ferruzzanocarogna _2_rd-200Ebbene il mio Argo è schizzato come una scheggia e in un  baleno è volato sulla spiaggia saltando attraverso le crepe del muraglione franato.  Ad un certo punto lo perdo di vista. Mi affanno a cercarlo e lo trovo sotto il muraglione nei pressi di dove la gente scende al mare: si rotola su un cumulo di sterpaglia e tavole sconnesse. Argo è “perso” nei suoi rotolamenti. Dovete sapere che i cani hanno un grande fiuto e sono attratti dagli odori, anche i pessimi odori. E Argo si rotolava in mezzo alla puzza. Mi avvicino e vedo una carcassa, una “carogna” di un bovino. Una vacca o un vitello morto chissà dove e buttato forse in un canale. La carogna sarà stata comunque condotta al mare che l’ha vomitata sulla spiaggia. A meno che non vi sia stata buttata direttamente da chi vuole distruggere così come distrugge quella che avrebbe dovuto essere e potrebbe ancora essere una delle più grandi ricchezze del Sud. Spiagge e mare puliti. Non discariche infette.   

ferruzzano_  carogna_mare_rd_150Non è difficile immaginare che questa carcassa puzzolente e putrida sia una grande sorgente di infezioni gravi. Pensate ai mosconi e alle zanzare che si posano su queste carni fatiscenti e poi vengono sulle tavole imbandite nelle case a poche centinaia di metri e passeggiano sul pane, frutta, formaggi e via dicendo. Oltre che posarsi sulle nostre membra. In Messico sta dilagando l’epidemia mortale tra gli umani proveniente dal suino. Da noi con meccanismi diversi potrebbe ritornare quella della “mucca pazza”.

E le amministrazioni comunali che fanno? Gli spazzini che fanno? Querelano cittadini invisi perché denunciano le loro malefatte. Trasferiscono impiegati scomodi sempre per lo stesso motivo…
Gli amministratori di maggioranza, con l’avallo della minoranza perché questa nessuna opposizione seria fa, - a Ferruzzano avviene come altrove -  spadroneggiano come ai tempi in cui regnava il sistema feudale: padroni e schiavi. 
Il tempo della democrazia qui non è mai giunto e il  tempo della Liberazione  qui non è mai arrivato. Persino il decoro non esiste. 
  

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.