Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
liberta per michele nardiALTRI DOVREBBERO STARE IN GALERA. COLORO CHE LO HANNO CONSEGNATO INNOCENTE AI CARNEFICI

"Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei non entrerete nel regno dei Cieli..." (Matteo 5:20-26)
 
Il Giudice Michele Nardi con una aberrante decisione é stato arrestato e consegnato alla gogna mediatica con una ferocia inaudita. Senza una prova. Una vera prova provata. Calunnie costruire a tavolino da un usuraio rinnegato anche dal proprio padre. 

Usuraio in galera con sentenza definitiva per crimini accertati incontrovertibilmente. In galera per usura, uno dei crimini più bestiali che ci possano essere. In galera ma con licenze premio e computer in cella. Un trattamento di favore. Chiediamoci il perché...

Vendere un innocente ormai è uno sport nazionale in cambio di sconti di pena e di aggiustamenti di processi e condanne. Palamara ha aperto uno scenario che ci ha fatto toccare con mano quanto sospettavamo.
Una giustizia truccata che ha fatto a pezzi i “dissidenti”. Ormai tutto il mondo lo  sa!
Abbiamo letto tutti i messaggi whatsapp con cui venivano premiati i fedelissimi e tracimati coloro che non appartenevano alla corrente “giusta”.

Eppure nonostante il letame che è venuto alla luce si continua a fare finta di nulla e i complottisti stanno indisturbati al loro posto. Moltissimi tra loro senza nemmeno una sanzione. Con una faccia di bronzo continuano a sentenziare. Nonostante siano stati trovati a cinguettare con Palamara e a scambiarsi favori e posti in procure di prestigio e grande potere. 
Abbiamo tutti i messaggi. TUTTI! Salvati prima che sparissero dal web. Se li pubblicassimo molti salterebbero sulla sedia.
Ogni cosa a tempo debito.

Ovviamente sono depositati presso sedi legali e in caso di strani incidenti salteranno fuori. Giudicesse che passano da oscure procure di periferia a sezioni civili di importanza capitale a Viale Giulio Cesare... Sappiamo tutto. Sappiamo tanto...  
Ma che paese è mai questo? A quale punto di indifferenza siamo arrivati? 
 
Chiediamo a gran voce che si ponga fine a questo scempio. Che venga ridata la Libertà al Dr. Michele Nardi tolta con forza e senza giusto motivo. Il 13 gennaio 2019 é stato arrestato e condotto in carcere custodia cautelare per diciassette mesi. Da giugno 2020 agli arresti domiciliari. Una condanna a prescindere da prove che non ci sono. Chiediamo che si ponga fine a questa mattanza. Alla limitazione della sua Libertá fino alla conclusione dei tre gradi di giudizio. Per il presupposto di innocenza fino a prova contraria.

Innocenza che ha sempre a gran voce proclamato il Dr. Michele Nardi accettando un processo per via ordinaria senza accettare le vie brevi di un patteggiamento.

Scritto da Ernesta Adele Marando
Su JEACCUSE


Aggiungi commento

Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.