logo nuovo

Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

Sarà stato perché era 17 Venerdi con transito astrale negativo che il GOT Dottoressa Loredana Reggio del Tribunale di Locri non ha accettato tutta la lista dei testimoni a difesa di Marilene Bonavita

AddThis Social Bookmark Button
e dei suoi cani e gatti  imputati perché ritenuti colpevoli.
Aspettiamo di sapere il vero perché!

cercasi giustizia

In Calabria o più genericamente al Sud, o sei con le maestranze siano esse istituzionali o “paraistituzionali” o vieni tracimato. Le vie per la rottamazione sono tante. A seconda dei casi e della creatività del momento. Da “concorso esterno in associazione mafiosa” a “Disturbo della quiete pubblica" ( cani che abbaierebbero oltre misura  ma nessun testimone a difesa li ha sentiti  ), a reato di urinare degli stessi gatti che andrebbero “fuori dal vaso”; da assenza di posti di lavoro dignitosi, eccetera. Rottamazione che continua ledendo la Dignità e i Diritti dei Cittadini azzerati anche con la sola sottrazione dei treni e quei pochi rimasti se ci sali sopra ti becchi pulci, scabbia, tbc e quant’altro. Non sono le vetture ultramoderne, superveloci, profumate e lucide di olio di gomito che a raffica ogni meno di 20 minuti nascono da Salerno e si dirigono verso mondi "nuovi e degni di rispetto".
Treni che si moltiplicano sempre di più per ogni chilometro che sali verso il Nord. Ma al pollo spennato calabrese viene dedicato ferrovecchio. E i giudici che ti fanno? Se non sei di loro gradimento, e le ragioni sono tante secondo la loro scuola di pensiero, se hanno in simpatia una parte anzichè l’altra dei contendenti, ( e chissà come mai ?!) non restano imparziali a leggere le carte, ma parteggiano. Con archiviazioni, condanne ingiuste, non ammissione dei testi a difesa.
immagine da inserire in articolo su jaccuse copia
Ovviamente, per pararmi le spalle dalle zanne di costoro inferociti appena li nomini, come degli Dei pagani onnipotenti, ergo dalle loro querele facili, devo precisare che non sono tutti i giudici inseriti in questa rosa di magistrati “creativi”, ma solo alcuni. Ci sono giudici seri, lo hanno dimostrato e mi inchino al loro lavoro certosino e stressante. Ma ben pagato e senza sborsare pecunia per assicurazioni professionali se errano, ed errano. Il resto dei professionali paga! E si assicura! Ma se i magistrati sbagliano talvolta i risarcimenti avvengono ma paga lo Stato. Cioè in parole povere, paghiamo NOI!

Bene, dopo questa lunga premessa vengo al fatto. Venerdi 17 scorso si è tenuta a Locri Tribunale sezione penale la prima udienza che vede imputata la dottoressa Bonavita per “non aver impedito in alcun modo gli strepiti degli animali presenti all’interno dell’abitazione disturbando le occupazioni ed il riposo, in tutte le ore del giorno e della notte degli altri condomini……. “, ed alla quale, il 7 Luglio 2014, quasi un anno fa, sono stati sequestrati illecitamente due cani e  ventisei  gatti. Preciso: nove erano micetti ancora da svezzare e, tenuti in tre appartamenti diversi e grandi. Con balconi. Gatti, alcuni di proprietà della dottoressa e della defunta sua madre, in casa da oltre 12 anni, altri gatti e cani“in stallo” come si usa dire. Cioè raccolti dalla strada perchè abbandonati e dunque divenuti randagi, dalla Dottoressa Bonavita che peraltro è la presidente della Associazione animalista ambientalista Onlus No Profit  Oltre l’Arcobaleno ( O.L.A. ) o raccolti da altri volontari e portati a lei perchè conoscono la sua generosità e la sua accoglienza. Perché in pochi hanno la possibilità o la voglia di prendere queste povere inoffensive bestie anche per qualche giorno il tempo che serve per farli adottare.

Ebbene signori miei, il sette Luglio 2014 di prima mattina uno spiegamento di interforze si è presentato nell’abitazione della Dottoressa e di sua madre, secondo e terzo piano dello stabile privato in Siderno, costruito dal padre di Marilene a metà anni ‘60, il compianto ingegnere Francesco Bonavita, e il plotone ha fatto un raid! Una missione militare!  
In fondo richiamo il mio articolo del 7 Luglio 2014 che in tempo reale scrissi  su questo evento   raccapricciante. Troverete tutta la rassegna stampa sul caso su questo giornale andando sulla voce “cerca” in home page e digitando due parole chiavi tipo “sequestro animali”. Richiamo anche l’articolo nel quale viene annunciata la notizia della liberazione da carcere e incubo di cani e gatti. Avvocato difensore, ieri come oggi, Giuseppe Lupis.
Quell’infausto giorno  vengono deportati con la forza pubblica e privata gli animali indifesi, innocui, impauriti e alla dottoressa viene intimato di non avvicinarsi, nemmeno vedere i suoi protetti deportati nel canile di Cosimo Maiolo a Caulonia. La dottoressa Marilene Bonavita era stata querelata perché i suoi  cani   avrebbero disturbato con strepiti  la quiete pubblica ed i suoi gatti avrebbero sporcato luoghi comuni.
venerdi-17
Chi ha scritto le denunce contro la dottoressa Marilene Bonavita spedendola alla sbarra il Venerdi 17 Aprile scorso e spedendo  gli animali al canile-gabbio di don Cosimino Maiolo di Caulonia? Ecco i nomi e cognomi delle querelanti: tale Antonietta Bonavita moglie dell’avvocato Antonio Tassone, all’epoca dei fatti direttore del settimanale "la Riviera" e la di lei madre, Polito Anna Maria, moglie del dentista Antonio, detto Totò Bonavita, fratello dell’ingegnere Francesco, appunto il padre di Marilene! Che bella dinastia! La cuginetta  Antonietta e la madre. Le due donne potrebbero essere deboluccie di sistema nervoso tanto da essere ossessionate dai latrati e quant’altro emesso da cani e gatti. Bisogna capirle. Abitano al primo e al quarto dello piano dello stabile di famiglia e gli animali della parente stretta, che abita al secondo e terzo piano, può averle indotte a questo atto estremo. Si saranno sentite accerchiate? E il metodo migliore è stato quello di fare portare via i poveri animali.

Il marito della signora Antonietta, l’Avvocato Antonio Tassone, era davvero seccato dalla presenza dei cani nello stabile! Sarà stata la sua protettività nei confronti di moglie e figli, che lo ha portato, esasperato e impotente davanti a tanti animali ( nelle loro case peraltro, qualche incontro in ascensore o sulle scale) a lasciare la sacra famiglia già nell’agosto scorso. Quando non c’era ombra più di animali. Quanto è bizzarra la vita! Pare che viva altrove, in altra cittadina. Ben strana situazione. Prima avrebbe armato la mano  di moglie e suocera con penna e calamaio affinché facessero sloggiare gli animali e quando il suo sogno si avvera, il 7 di Luglio 2014, lui che fa? Sloggia anche lui. Poche settimane dopo! Dopo il casino montato nel luglio scorso ora si mormora a viva voce che subito dopo sia convolato in altri lidi! Boh, vai a capire la mente umana. Io non posso confermare ciò perchè vivo a Roma ma i locali pare che facciano molti apprezzamenti sulla cosa. C’è molto salotto su questi fatti. Bisogna capire, è un fatto che coinvolge la “gente bene” locale! Pare che ami “donne e motori”. Nulla di male. Esiste proprio una gettonatissima rivista sul tema. Tutto legittimo. Gl hobby sono sacrosanti. Il sale della vita. Potrebbero essere anche chiacchiere di paese… Comunque i cani e i gatti di Marilene per l’avvocato Antonio Tassone non sarebbero più un incubo se così stanno le cose. Ha trovato una bella e piacevole soluzione.

Ma siamo sicuri che le rotelle siano tutte a posto?  Pare sia stato lui il motore, la mente di tanto movimento di forze dell'ordine. Sequestri cani, denuncie. Armatevi e partite. Pare che in seguito alle querele di legittima moglie e legitima suocera il solerte giudice Caterina Capitò, confermò la richiesta quanto mai insensata del P.M. Francesco Cirillo e, con una brillantissima operazione di ingegno emise ordinanza di sequestro preventivo (di cosa?) il 30 giugno 2014 che fu poi eseguita il 7 luglio. Anzi il Tassone pare abbia preso il volo nell’agosto 2014, dopo il fattaccio, dopo la deportazione di gatti e cani. Non abita più in quell’immobile a Siderno. Ma sul banco degli imputati c'è andata la dottoressa Bonavita, anima limpida e generosa. Vai a capire come gira la ruota!

Cara la mia GOT, carmate, si dice a Roma.  GOT che sta a significare Giudice Onorario Tribunale. Ossia uno che ha preso la scorciatoia per fare il giudice ma che giudice "vero" non è!
Ecco come si diventa GOT:
“La nomina dei GOT e VPO trova fondamento nel 2° comma dell’art. 106 Cost.… Il Giudice Onorario di Tribunale (GOT) si occupa di processi in materia civile e penale in tutti i casi in cui la competenza è monocratica; ovvero non del collegio ma, di un unico giudice secondo le norme dei codici di rito. La sua durata in carica è di 3 anni rinnovabili per un ulteriore triennio... “
Tra i requisiti richiesti” …  abbia conseguito la laurea in giurisprudenza (laurea in giurisprudenza quadriennale di cui alla legislazione universitaria previgente all'entrata in vigore del nuovo ordinamento degli studi e dei corsi universitari o laurea specialistica) in una delle universita' della Repubblica o presso una universita' estera di un Paese con il quale sia intervenuto un accordo di equipollenza; … “ dal sito http://www.altalex.com/index.php?idnot=38627

Ergo laureato in Giurisprudenza. A quanto pare neanche avvocato abilitato a fare l'avvocato. Se ho capito bene. Altrimente umilmente chiedo lumi. E mi denunci pure ( ma non credo di avere commesso alcun reato. ) se si è sentita punta da qualche parte cara laureata in Giurisprudenza con il cipiglio di una Bocassini! Sarà rimasta impressionata dalle comparsate delle colleghe di Milano? Toste e irrigidite nel loro grembiulino nero con fiocchi e campanelli? Siamo nel terzo millennio, ma pare sia ritornata l'era dell’infame inquisizione! A pensarci bene non è mai scomparsa. Ritorna sempre sotto altre mentite spoglie. Ma pensi a quanto si siano punti, anzi ammalati e morti i gatti che la sua collega, magistrata togata, Caterina Capitò agli annali,  con la sua ordinanza del 30 giugno 2014, poi annullata dal Tribunale del Riesame di Reggio Calabria il  30 Luglio 2014 ha spedito dietro le sbarre! In isolamento per oltre venti giorni! Non potere vedere i loro padroni. Dietro le sbarre con un caldo micidiale, sul cemento o nelle gabbiette ammassati i gatti. Non c’è parola che possa descrivere lo sdegno per tanta insensibilità e abuso di potere da parte di veterinari, forze dell’ordine, ordinanti. Per tutti quelli che la mattina del 7 di Luglio del 2014 si sono presentati e con un atto di forza e anche illegittimo hanno trascinato via cani e gatti dal loro ambiente lasciando i padroni senza parole, annichilit! E mi fermo qui. La rabbia mi porterebbe ben oltre. Ma i pensiweri non si possono censurare e penso tutto il male possibile di questa spedizione della morte!


E’ stata abbastanza rara cosa e lodevole che un Tribunale del Riesame  in tempi così celeri, sia andato contro l’Ordinanza della Capitò Caterina. Prossima udienza il 26 Giugno 2015, sempre di Venerdi, presso il Tribunale penale in Piazza Francesco Fortugno a Locri. Tribunale d’Eccellenza!
 
ordinanza pg 1-no rifECCO LA PRIMA PAGINA DELL’ORDINANZA CHE HA FATTO SCATTARE “LE MANETTE” AGLI ANIMALI E PORTATI IN ISOLAMENTO E PORTATO ALLA SBARRA LA DOTTORESSA MARILENE BONAVITA.
ORDINANZA DELLA ILLUSTRE GIUDICESSA DI LOCRI CATERINA CAPITO' CHE NEL GIUGNO SCORSO HA CONDOTTO QUESTA BRILLANTE OPERAZIONE DI "PULIZIA ETNICA" ANNULLATA POI DAL TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA A FINE LUGLIO E I POVERI ANIMALI, MALCONCI, HANNO VISTO IL CIELO DOPO LA LIBERAZIONE DA STRUTTURE HORROR SBARRE ED ESCREMENTI.
IL LORO AVVOCATO DIFENSORE, GIUSEPPE LUPIS, IERI COME OGGI, NON MOLLERA’. CERCHERA’ CHE GIUSTIZIA SIA FATTA!
L’AVVOCATO CHE SI E'FATTO ANCHE IL CARCERE PER DIFENDERE I DEBOLI. ACCUSATO DI REATI INESISTENTI PER TOGLERLO DI MEZZO. AVVOCATO SCOMODO AI PIU', APPECORONATI E BELANTI PRESSO I POTENTI DI TURNO PER UN PUGNO DI LENTICCHIE
 
Avv Giuseppe Lupis copiaPost: Si vocifera che l’Avvocato Giuseppe Lupis sia inviso ai magistrati togati e non. In parole povere che le cause che difende lui saranno perdenti perché ha i giudici contro.  A prescindere!
Bene, pecorelle belanti, se avete paura di inimicarvi i magistrati, cercatevi altri avvocati “in buona con loro”, avvocati e clientes che, se non hanno l’artrosi e la scoliosi riescono a chinare il muso fino a terra, se volete tenervi nelle grazie i giudici, ma sappiate che potrete vincere una causa su 100.E sempre se si tratta di furto di galline! Perché più la gente china la testa per ingraziarseli, più questa gente viene disprezzata! I legali della Dottoressa Bonavita la sera stessa del sequestro, il 7 Luglio 2014 rimisero il mandato. Dopo avere presenziato alla deportazione degli animali. Presenti all'evento "benefico". Pare non abbiano gradito le notizie diffuse da J'Accuse.. ! sul fatto! La strategia doveva essere soft! Mentre la deportazione di animali è stato un massacro strong! Ma tant'è! Erano animali! L'Avvocato Lupis ha accettato subito la difesa lascoiata scoperta dai due principini del Foro di Locri. Chissà come mai! Beh, amici, l'Avvocato Lupis ha preso questa causa per difendere cani, gatti e padroni vessati. Del resto e di come viene amministrata la giustizia nei Tribunali del Sud ne ha piene le tasche. Può vivere felicemente altrove. Infatti è andato via da quella Regione dove galleggia di tutto e di più! 
Se cliccate su questo link ci sarà l’elenco di tanti articoli sul caso che è stato seguito passo passo nei mesi di luglio e agosto dello scorso anno. Troverete anche in uno degli articoli l'ordinanza per intero - 7 pagine - della Giudicessa Caterina Capitò.

http://www.jeaccuse.eu/index.php/cerca-mainmenu-5.html?searchword=ordinanza%20capit%C3%B2&ordering=newest&searchphrase=all
WspvXuoNnUadiva-800x450-noPad

Crimini su un cane indifeso. Immagine presa da Facebook. Purtoppo non è solo l'Italia a detenere tristi primati di torture!

https://www.change.org/p/cor%C3%A9e-de-sud-arr%C3%A9tez-de-tuer-des-chiens-s-korea-stop-killing-dogs


{youtube}MmUbgvhqNTA{/youtube}

Login