logo nuovo

Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale

Je suis Charlie. Parigi. Agguato mortale al Giornale Charlie Hebdo. In nome di “Allah akbar”

AddThis Social Bookmark Button

Gli assassini maledetti gridano alzando al cielo il kalashnikov durante il massacro
”Allah akbar”-“Allah è grande”

SOLIDARIETA' AI COLLEGHI GIORNALISTI FRANCESI E AI POLIZIOTTI
SOLIDARIETA' ALLA FRANCIA!

 


Cuore di Parigi Mercoledi 07 Gennaio 2015 le ore circa 11 e 30 della mattina. “Allah akbar” che significa “Allah è grande”. Con questo, bestemmia. Perchè se " Allah è grande e misericordioso", assassinare un fratello mussulmano a terra come il poliziotto Amhed, gridando "Allah akbar", significa bestemmiare mettendosi in contrasto con l'"Allah misericordioso". Come fanno non i "fanatici islamisti" ma gli assassini di giornalisti, poliziotti, uomini e donne. Cristiani, Ebrei, Musulmani, Fedeli di ogni Religione e Idea. E il mondo intero civile è sotto schock, per l'azione criminale di assassini non di "terroristi islamici" che operano grazie all'idiozia, inconsistenza umana e culturale e vigliaccheria dei "responsabili politici" degli Stati occidentali che hanno tradito i Cittadini che li hanno eletti per difenderli assieme alla Civiltà e sono stati abbandonati agli assassini dei quali, di fatto, i "responsabili politici" sono divenuti complici.

assassinio poliziotto parigi

Attacco di assassini nel cuore di Parigi. Una banda di tre uomini. Circa 50 colpi da fuoco esplosi da due uomini armati e incappucciati e uno alla guda della macchina. Caccia all'uomo! In Occidente siamo a rischio. A rischio la Libertà. A rischio la Vita!
Vile e infame attentato di assassini alla libertà di Stampa! Attentato alla Libertà di espressione. Libertà che contraddistingue i paesi civili da quelli barbari e arretrati e sanguinari. Atto abominevole all’Umanità! Solidarietà alla Francia.

 Charlie-Hebdo-3-675
 ahmed marebet-insert

Terroristi e simpatizzanti: Fate schifo! Voi, che per le "offese celesti" abbracciate mitragliatori e uccidete. Fate schifo anche al vostro Profeta. Alcuni tra voi hanno esultato alla strage a Parigi. Alle stragi che compite nel mondo in nome di Allah. Non ci sono parole per esprimere il ribrezzo contro di voi. Esseri immondi.

giornalisti assassinati
 

CHARLIE HEBDO NON MORIRA' MAI! LA LIBERTA' DI STAMPA SARA' SEMPRE LIBERA!

E' ARRIVATA L'ORA DI FINIRLA DI ESSERE BUONISTI. PARLO DI POLITICANTI E PRETI D’ASSALTO!
I TERRORISTI CI UCCIDONO IN CASA NOSTRA!

BASTA BARCONI CARICHI DI ODIO!
BASTA CAVALLI DI TROIA PIENI DI TERRORISTI!
BASTA CON QUESTO SCHIFO DI POLITICA! SI ALL'INFORMAZIONE LIBERA!

NON E' CON LE PALLOTTOLE CHE COMUNQUE SI POTRANNO SPEGNERE LE VOCI LIBERE! LA STAMPA!

SOLIDARIETA' AI COLLEGHI FRANCESI. SOLIDARIETA' ALLA FRANCIA!

Sono giorni di lutto. Viviamo da anni nel lutto. Siamo stanchi. Sia quel che sia. Io ho scritto nel tempo sui miei giornali J'Accuse e Radiocivetta di atti infami perpetrati ai danni di inermi Cittadini.
Verità amare. Per risposta ho avuto denunce. Queste non mi preoccupano. Nelle sedi giudiziarie corrette si stabilirà la verità. E se non Italia si troverà Giustizia a Strasburgo. Quanta stanchezza. E quanto odio addosso. Finché certa magistratura, la politica e i cattivi consiglieri non cambieranno rotta...

Vignette pubblicate dal giornale Charlie Hebdo. Immagini per le quali sono state uccise 12 persone tra le quali il Direttore del giornale satirico. Nel centro di Parigi. Ieri mattina! Di mercoledi. Quando in questo giorno ogni settimana si riunivano i componenti della redazione al completo, con il direttore. Decapitata la redazione. Gli assassini sapevano come muoversi.

Nessuna sicurezza reale ed efficace nella sede del giornale e dei giornalisti. Da anni nel mirino di fanatici islamisti. Di pochi giorni fa l’ultimo attentato alla sede! I massimi vertici della per la sicurezza nazionale di Francia e del Mondo si interroghino!

Ultima copertina di Carlie Hebdo uscita prima del massacro di ieri mercoledi 7 gennaio 2015

ultima copertina charlie hebdo

 

 

Il direttore di J’Accuse e Radiocivetta 08 Gennaio 2015

Login