Atto d'accusa contro ogni forma di ingiustizia - Giornale periodico on line a carattere politico e culturale
Pin It
Al Sud si dovrebbe vivere di turismo e si muore di fame e di cancro. Di scorie radioattive.Di mafia e antimafia. Politici inetti!

finanz-euro-logoI politici del Sud sarebbero da sputare in faccia. Ma hanno una faccia di bronzo e lo sputo rimbalzerebbe! Fanno pietà. E di più fanno pena gli abitanti del Sud che li votano, che aspettano il posto fisso e non si ribellano a questo andazzo. Alcuni si piegano, riducono le loro richieste e si rannicchiano. Altri trovano altre "vie". Sono sconcertata. Che si faccia un'interpellanza parlamentare sul caso. Che si chiedano le dimissioni in massa di questi politici d'accatto!

Sulla mia bacheca Facebook stasera è stato postato il seguente articolo "Fondi europei. L'espresso 1 mld buttato da Calabria, Campania, Puglia, Sicilia. Articolo,  pubblicato da ""Calabrialibera"", che riporto integralmente. A voi cari lettori le riflessioni. Ernesta Adele Marando

Ecco l'articolo che sarà in edicola domani su "L'Espresso":
Un miliardo di euro. Stanziati dall’Europa per salvare chiese, monumenti, parchi archeologici italiani. Sono a disposizione da sei anni, ma non li abbiamo spesi. E Bruxelles sta per riprenderseli”.
Lo scrive il settimanale L’Espresso in un’inchiesta pubblicata nel numero in edicola domani insieme con una intervista a Ilaria Borletti Buitoni, firmata da Denise Pardo nella quale il sottosegretario ai beni culturali racconta la sua esperienza al ministero, ”che proseguendo su questa china diventerà presto ‘morente ”’. Da Sibari a Venezia a Trieste – denuncia il settimanale – ”decine di progetti già finanziati non partono per colpa della burocrazia e del disinteresse delle amministrazioni. Soltanto il 50 per cento degli interventi già decisi ha visto la luce. Ma anche il miliardo già utilizzato è andato per lo più sprecato in sagre di paese, restauri così malfatti che devono essere ripetuti a distanza di pochi anni, gare automobilistiche”.

L’inchiesta parla di un ”tesoro buttato” e sottolinea che ”solo un piano speciale varato d’urgenza dall’ex ministro Fabrizio Barca ha recuperato fondi già a disposizione per Pompei che l’Unione Europea stava per riprendersi: 105 milioni di euro strappati in extremis. Erano parte del piano per gli Attrattori culturali, una super strategia da oltre un miliardo di euro che secondo i commissari Ue avrebbe rilanciato l’economia del Sud grazie a cultura e turismo. Ma nel 2011, a cinque anni dalla partenza del progetto, non era stato speso neppure un centesimo. E sono arrivate le multe”. ”Ancora oggi – sostiene sempre l’Espresso – il 92 per cento del piano resta bloccato. Perché dal 2007 al 2012 le quattro regioni coinvolte (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia) si sono contese i finanziamenti senza decidere nulla, con sette enti intermedi che fra controllo, gestione e proposte hanno paralizzato ogni cosa. Gli unici soldi impegnati in qualche modo sono stati 160 milioni. Ma sotto la voce turismo è stato infilato di tutto: odontoiatri, estetiste, sale da slot machine, bar e palestre alla periferia di Napoli. Risultato? La commissione europea ha fermato i rimborsi. E sono partite le indagini”.
http://www.calabrialibera.it/fondi-europei-lespresso-1-mld-buttato-da-calabria-campania-puglia-e-sicilia/#
Giornale online iscritto il 2/05/2008 al n. 184/2008 del Registro di Stampa del Tribunale Civile di Roma.
Direttore Ernesta Adele Marando. Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.